il 13 ottobre 2015
Conosco poco lo steampunk e quel poco che ho letto era ironico, esattamente il contrario di questa storia cupa, dove la sofferenza sembra imprescindibile dall’umanità e dal suo affannoso muoversi in cerca di una meta. Ogni personaggio persegue il proprio scopo, che si tratti di un progetto grandioso o di un pezzetto di felicità ha poca importanza, ognuno di loro dovrà combattere. Le due autrici ci portano dentro a una storia complessa, piena di misteri e di meraviglie, con uno stile barocco che emana un fascino assoluto e ci fa entrare in un mondo dove ogni dettaglio è vivo e pulsante.
ingranaggioingranaggioingranaggioingranaggio