Victorian Solstice vol.1 – Recensione di 1000storie1000vite su Amazon

Victorian Solstice vol.1 – Recensione di 1000storie1000vite su Amazon

Recensito in Italia il 25 giugno 2020

Acquisto verificato
Questo libro, sulla carta, non ha motivo di essere nella lista delle mie letture preferite: è una raccolta di racconti, è tremendamente dark, non è per nulla romantico. Però i racconti sono tutti legati gli uni agli altri, seguono una linea temporale ben definita e coprono un lasso di tempo relativamente breve. Quindi, nel complesso, non rimangono slegati, ma sono semplicemente capitoli di una storia affascinante ed ghiacciante allo stesso tempo, che mi ha trasportato via con sé, tra i vicoli più oscuri di una Londra vittoriana dove il confine fra realtà e incubo è labile come un filo di nebbia, tra case lussuose o ai balli più ricercati di un mondo elegante e sfarzoso che cela, sotto la maschera del decoro e della ricchezza, le nefandezze più abiette. Mi sono trovata invischiata nei pensieri di assassini senz’anima, di folli talmente lucidi da passare per cittadini onesti e onorevoli.
Sono stata conquistata dall’onore schietto e sincero e dalla luminosa anima di Jonas, cavaliere d’altri tempi, poliziotto integerrimo, detective intuitivo.
Sono stata ammaliata dal tormento di Jericho, dalla sua anima infangata e spezzata eppure, ancora così limpida.
Sono stata conquistata dalla storia di un’amicizia forte, tra due uomini profondamente diversi, che si muovono sempre sul limite del socialmente accettabile, che passano dal mondo dell’apparenza a quello dell’essere, svelando l’orrore dietro la bellezza, con una disinvoltura stordente.
Sono rimasta affascinata dal dettaglio con cui le due autrici hanno ricostruito il mondo vittoriano, non solo nei particolari dell’ambientazione storica e fisica, ma soprattutto nelle sfumature della morale, dei comportamenti, delle abitudini.
Leggere questo libro è come calarsi in un sogno oscuro. Lo stile è ricercato, elegante, molto vivido ed al contempo estremamente onirico. I nomi di luoghi e persone sembrano usciti da una favola e racchiudono in loro tutto l’orrore o tutto il fascino di cui sono spettatori o artefici.
Ed allora vi chiedo: Siete pronti ad entrare nella tana del Bianconiglio? Siete pronti ad immergersi in un mondo vizioso, pieno di ombre, dove nulla è come sembra? Siete pronti a rimanere stregati da Jonas e Jericho? Mentre ci riflettete, io mi accingo a leggere il secondo capitolo della serie e ad annegare tra le acque torbide di un Tamigi stregato. Hugs&kisses
Victorian Solstice vol.1 – Recensione di 1000storie1000vite su Amazon

Victorian Solstice vol.1 – Recensione di Mary su Amazon

Mary

Recensito in Italia il 31 maggio 2020

Acquisto verificato
Victorian Solstice vol.1 – Recensione di 1000storie1000vite su Amazon

Victorian Solstice vol.1 – Feel the book

I PRIMI 1000 RECENSORI

Recensito in Italia il 22 maggio 2020

Seconda edizione che riunisce quattro racconti già pubblicati in precedenza, “Victorian Solstice” segue le indagini di un’improbabile coppia di detective, il medium Jericho Marmaduke Shelmardine e l’investigatore Jonas Marlowe, in una Londra vittoriana cupa e decadente, popolata da ricchi dediti ai piaceri più sfrenati e poveri che si dibattono nella miseria più totale.

I protagonisti vengono da ambienti molto diversi e possiedono una visione del mondo quasi opposta: mentre Jericho ha imparato a destreggiarsi nel marciume della società e sopravvive come medium tra i salotti dei benestanti, Jonas conserva una sorta di ingenua fiducia nel sistema, nonostante lui per primo sia stato vittima di un’ingiustizia.

Il peso del passato incombe su entrambi, sebbene in modi diversi, perché quello di Jericho è avvolto nel mistero di un’insolita e sensuale relazione, mentre su Jonas pende la condanna per un delitto irrisolto. Il medium cela la sofferenza dietro una maschera libertina, che di racconto in racconto si incrina per mostrarci la verità che custodisce nell’animo, la speranza di un nuovo amore che gli dona nuove motivazioni. Al contrario, l’investigatore si mostra per ciò che è, un uomo rigoroso che dubita dell’esistenza del paranormale e crede davvero di poter portare tutti i criminali davanti a un giudice, nonostante l’intero mondo in cui si muove sia corrotto.

L’amore che nasce tra i due uomini è inaspettato, un sentimento via via più profondo che dona loro forza di fronte alle avversità; le indagini restano in primo piano nella narrazione, tuttavia la relazione tra Jonas e Jericho ha un impatto deciso sullo sviluppo dei due personaggi e sull’andamento della vicenda.

La spirale di vizi e crimini nei quattro racconti è molto cupa e si ha quasi l’impressione che per questa società corrotta non ci sia più alcuna speranza, la risoluzione dei casi a volte consiste solo nella scoperta di una verità che non può essere raccontata, perché non interesserebbe a nessuno.

Di racconto in racconto, di caso in caso, cresce la curiosità di scoprire la verità sui misteri nel passato di Jericho e Jonas, ogni piccolo indizio cattura l’attenzione e suscita nuove congetture. Tutto questo è reso possibile da una scrittura suggestiva ed elegante, in grado di descrivere le situazioni più terribili senza appesantirle o renderle troppo da sopportare per chi legge.

Certo si nota che i racconti sono stati scritti in un arco di tempo dilazionato e che storia, personaggi e stile narrativo hanno subito un’evoluzione, ma questo non pesa troppo sul risultato finale, perché in un certo senso dà modo al lettore di immergersi sempre più nel mondo di ombre e misteri creato dalla coppia di autrici.

Editing a cura di Lilith.

Victorian Solstice vol.1 – Recensione di 1000storie1000vite su Amazon

Victorian Solstice vol.1 – Recensione di Tiziana R. su Amazon

Tiziana r.

Recensito in Italia il 7 aprile 2020

Acquisto verificato
Recensione di Tiziana Panozzo per Victorian Sosltice vol.1

Recensione di Tiziana Panozzo per Victorian Sosltice vol.1

Tiziana Panozzo ha recensito per noi il primo volume di Victorian Solstice.
Grazie per esserti unita alla nostra corte di anime dolenti in questa Londra che non conosce la luce.

Jonas Marlowe e Jericho Shelmardine due uomini agli antipodi che più diversi non potrebbero essere il primo un poliziotto di Scotlan Yard, il secondo un medium molto famoso nei salotti bene di una Londra vittoriana sul finire del 1890 che le circostanze portano ad unire in una collaborazione che potrebbe suonare assai strana. La Londra dove i due protagonisti si muovono riflette i costumi di una città che solo apparentemente ospita una variegata mescolanza di maschere umane benevoli e cortesi ma capaci di trasformarsi in mostri che nelle vie buie e a volte nebbiose quanto malfamate londinesi si appropriano indegnamente di poveri innocenti a cui nessuno importa se vivono o muoiono.
Riusciranno i nostri due eroi a dipanarsi tra i tentacoli pericolosi di queste maschere conducendo a buon fine gli svariati casi che si presentano loro….. Be solo leggendo questo incredibile libro, lo saprete.
Le due autrici, Federica e Vittoria con vera maestria, un linguaggio scorrevole e diretto ci fanno immergere nel vero senso della parola, in un susseguirsi di colpi di scena che fanno rimanere col fiato sospeso fino alla fine, si respira l’aria vittoriana di quell’epoca in ogni momento che si vive seguendo le imprese di Jonas e Jericho.
Ho amato questa lettura fin dalla sua prima sillaba, mi sono sentita partecipe in ogni momento della storia, ho sofferto e gioito con questi due ormai miei amici e con dispiacere ho dovuto salutarli. Se volete trascorrere minuti più che piacevoli, affrettatevi e correte a ordinare questo meraviglioso libro non ve ne pentirete. Buona lettura